martedì 5 dicembre 2017

Pane zuccherato di Giorilli

Amo tantissimo il momento della colazione e il momento in cui preparo dolci per essa. Stavolta però mi sono limitata solo all'intreccio perchè l'impasto l'ha preparato mio marito mentre io mi dedicavo ai biscotti di pan di zenzero da appendere all'albero di Natale.
La preparazione è molto semplice e se vi piace una colazione soffice soffice vi consiglio di provarli.
Questo nuovo libro di Giorilli è veramente prezioso, se vi capita di sfogliarlo in libreria ne rimarrete affascinati e non lo lascerete sullo scaffale.

PANE ZUCCHERATO
da "Pane & Pani"
di Piergiorgio Giorilli

Ingredienti per circa 26 panini:
1 Kg farina (ho utilizzato 1/2 kg farina per frolle e 1/2 kg farina Uniqua pacco giallo Molino dalla Giovanna)
40 g lievito di birra
400 ml latte intero
200 g zucchero
100 g burro morbido
13 g sale
20 ml rum 70°
2 uova medie
zucchero a velo

Mettere la farina nella ciotola della planetaria, sbriciolare il lievito, cominciare ad impastare con il gancio aggiungendo a filo uova sbattute e latte. Aggiungere poco per volta lo zucchero, il sale, infine quando l'impasto è incordato aggiungere rum e burro a cubetti. Lavorare ancora fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico ma consistente.
Coprire la ciotola e far riposare per circa 20 minuti.
Ricavare dei pezzetti di impasto di circa 50 g (io li ho fatti da 68 g), formare dei filoncini e intrecciarli per ottenere un bottoncino come in foto.
Sistemare su teglie coperte con carta forno, far lievitare fino al raddoppio a circa 27°C.
Prima di cuocere, spolverare i panini con poca farina, cuocere in forno preriscaldato a 180° con leggero vapore per circa 16 minuti.
Servire spolverizzati con zucchero a velo.

 

Conservarli ben chiusi in un sacchetto, si possono congelare immediatamente e poi riscaldare al momento dell'utilizzo.




mercoledì 29 novembre 2017

Torta Luna agrumi e matcha

In queste giornate uggiose è bello staccare la spina per qualche minuto e concedersi una piccola coccola pomeridiana con un tè o tisana caldi e una fetta di torta profumata e dalla forma bellissima e particolare, grazie al nuovo stampo in silicone Luna Silikomart.
Una forma nuova per un abbinamento di gusti a me molto caro, gli agrumi con il tè matcha che adoro, e questa marmellata Rigoni è davvero perfetta, con un tocco di zenzero che la rende speciale.
Buon tè a voi, ma anche buona colazione perchè io l'ho gradita pure al mattino!

Torta Luna agrumi e matcha
con salsa al matcha

Ingredienti per lo stampo Luna Silikomart:
(oppure per uno stampo tondo 24 cm)
5 uova medie
250 g zucchero
150 burro morbido
100 g farina 00
150 g frumina
10 g lievito
2 cucchiaini tè matcha
scorza grattugiata di 1 limone
scorza grattugiata di 1 arancia

Per guarnire:
q.b. Fiordifrutta agrumi e zenzero Rigoni di Asiago
q.b. zucchero a velo
45 g cioccolato bianco
32 g latte intero
1/2 cucchiaino tè matcha

Accendere il forno a 180°C. Setacciare farina, frumina e lievito.
Mescolare con la foglia burro e zucchero, aggiungere le uova, una alla volta, alternando con le polveri setacciate. Lavorare brevemente fino ad ottenere un composto omogeneo. Dividere l'impasto in due ciotole, in una mettere la scorza degli agrumi, nell'altra mettere il tè matcha e mescolare.
Versare i due impasti alternandoli nello stampo LunaSilikomart, mescolare pochissimo con una spatolina per ottenere un effetto variegato, cuocere per circa 40-50 minuti, fare prova stecchino. Far raffreddare completamente e sformare la torta.

Nel frattempo preparare la salsa al matcha: fondere il cioccolato a bagnomaria o nel microonde, versare sopra in tre volte il latte bollente mescolando dal centro verso l'esterno, aggiungere il matcha ed emulsionare con un minipimer.
Spolverizzare la torta con zucchero a velo setacciato, versare negli incavi della torta la marmellata agrumi e zenzero Rigoni di Asiago e la salsa al matcha.


 



giovedì 23 novembre 2017

Fantastik Gianduia, sciroppo d'acero e Dulcey

Da quanto tempo sfoglio e risfoglio il "Masterbook" di Michalak e finalmente sono riuscita a ritagliarmi dei momenti in tre giornate differenti per potermi regalare questo dolce il giorno del mio compleanno.
Come sempre le creme di Michalak sono una esplosione di gusto, fino ad ora sempre le più golose mai provate! E vogliamo parlare del cioccolato Dulcey Valrhona? E' la prima volta che lo provo ed è impossibile non mangiare diverse pepite durante la preparazione del dolce...meglio chiudere subito la confezione!!!!

E Michalak mi ha onorata anche di vedere il mio Fantastik Gianduia sulla sua pagina Facebook!

Fantastik Gianduia, sciroppo d'acero
e Dulcey Valrhona
da "Masterbook" di Christophe Michalak

Per la chantilly allo sciroppo d'acero:
130 g panna
40 g sciroppo d'acero

Il giorno prima preparare la chantilly. Far ridurre lo sciroppo d'acero della metà in un pentolino su fiamma bassa, dovrà pesare 20 g. In un'altra casseruola portare a bollore la panna, versarla sullo sciroppo d'acero e mescolare. Far raffreddare, coprire con pellicola a contatto e lasciar riposare in frigorifero per una notte.

Per la crème onctueuse al Dulcey:
145 g cioccolato Dulcey Valrhona
2 g gelatina in fogli
40 g latte intero
160 g panna
1 g fior di sale

Il giorno prima preparare la crème, mettere a bagno la gelatina in 10 g di acqua. Spezzettare il cioccolato e metterlo nel bicchiere del minipimer.
Far bollire latte, panna e sale, aggiungere la massa di gelatina (acqua+gelatina), versare il tutto sul cioccolato e miscelare con il minipimer.
Lasciar raffreddare, coprire con pellicola a contatto e mettere in frigorifero per una notte.

Per la pasta sablè al gianduia:
100 g burro morbido
1 g fior di sale
10 g farina di mandorle
80 g farina 00
35 g zucchero a velo
20 g uova
50 g cioccolato al latte gianduia
70 g pailleté feuilletine

Accendere il forno a 180°C. In planetaria con la foglia mescolare 50 g di burro morbido, sale, farina di mandorle, farina 00 e zucchero, poi aggiungere l'uovo e mescolare poco fino ad ottenere un composto omogeneo. Stendere la pasta ottenuta allo spessore di circa 5 mm, cuocere in teglia su carta forno o foglio in silicone per circa 10-12 minuti.
Far raffreddare, spezzettare la pasta cotta e aggiungere cioccolato e burro fusi separatamente e le pailleté feuilletine tritate. Mescolare.
Imburrare un cerchio diam. 18 cm H. 2 cm, poggiarlo su un vassoio coperto co carta forno, modellare la pasta all'interno e schiacciarla con un cucchiaio, far riposare in frigorifero.

Per i bignè:
75 g acqua
75 g latte intero
3 g sale
3 g zucchero
65 g burro
80 g farina 00
150 g uova

Accendere il forno a 230°C.
In una casseruola portare a bollore acqua, latte, sale, zucchero e burro.
Fuori dal fuoco aggiungere tutta ina una volta la farina setacciata, rimettere sul fuoco e mescolare per 1-2 minuti,l'impasto si dovrà staccare dalle pareti.
Versare nella ciotola della planetaria, mescolare a bassa velocità con la foglia per 2 minuti, aggiungere poco per volta le uova fino ad ottenere una pasta liscia, mettere l'impasto in un sac a poche con bocchetta liscia n.10, formare delle palline di circa 3 cm su una teglia imburrata. Cospargere a piacere con granella di zucchero e nocciole tritate.
Spegnere il forno, infornare i bignè per 12 minuti. Accendere nuovamente il forno a 160°C e cuocere ancora per 12 minuti, sfornare far raffreddare.

Per il confit al Dulcey:
50 g latte condensato non zuccherato
10 g sciroppo di glucosio
85 g cioccolato Dulcey Valrhona
10 g burro
2 g fior di sale

Riscaldare latte e sciroppo di glucosio in una casseruola. Spezzettare il cioccolato e metterlo in una ciotola, versare sopra il liquido bollente, creare una emulsione con una frusta a mano, aggiungere burro e sale e lasciar raffreddare, coprire con pellicola e conservare in frigorifero o utilizzare appena si addensa leggermente.



Per il montaggio:
Estrarre con delicatezza la pasta sablè dal cerchio.
Montare con le fruste elettriche la chantilly e metterla in un sac a poche con bocchetta saint honorè.
Mettere il confit in un sac a poche.
Mettere la crème onctueuse in un sac a poche con bocchetta liscia e distribuirla sulla pasta sablè. Nelle scanalature mettere il confit 8come da foto in alto).
Riempire i bignè di crème onctueuse e spolverarli di zucchero a velo.
Mettere la crema chantilly sopra la crème onctueuse, nelle scanalature aggiungere il confit, decorare sui bordi con i bignè ripieni e al centro con scaglie di cioccolato al latte temperato e nocciole caramellate.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...