venerdì 19 gennaio 2018

Triangolini di pasta fillo con scarola e baccalà

Un altro antipastino delle mie feste natalizie appena passate, i gusti classici della regione Campania per la tavola di Natale rivisti a modo mio.

Triangolini di pasta fillo
con scarola e baccalà


Ingredienti per circa 20 triangolini:
1 confezione di pasta fillo
q.b. burro fuso
1 scarola riccia
q.b. olive nere
q.b. capperi
una manciata di pinoli
3 alici sott'olio
1 spicchio d'aglio
1 pizzico di peperoncino secco (facoltativo)
1 pezzetto di baccalà dissalato e cotto in acqua bollente
q.b. Fiordifrutta mandarino Rigoni di Asiago
4 cucchiaini di sesamo bianco
30 g uvetta
1/2 bicchiere di vino bianco
q.b. sale, olio

Pulire la scarola, sbollentarla per pochi minuti in acqua bollente poco salata.
In una padella scaldare 3-4 cucchiai di olio extravergine di oliva con uno spicchio d'aglio e il peperoncino secco, far sciogliere le alici, aggiungere i capperi lavati, le olive nere, i pinoli e la scarola e far insaporire per una decina di minuti. Qualche minuto prima di togliere dal fuoco, aggiungere il baccalà a pezzetti.

Spennellare di burro fuso un foglio alla volta di pasta fillo, tagliarlo a metà con un coltello per il lato lungo, mettere un cucchiaio di ripieno di scarola e chiudere a triangolo, spennellare ancora di burro fuso, cospargere con pochi semi di sesamo e disporre su una teglia coperta con carta forno.
Una volta preparati tutti i triangolini, cuocerli in forno preriscaldato a 180°C fino a quando avranno raggiunto un bel colore dorato.
Nel frattempo lavare molto bene con acqua tiepida l'uvetta e metterla in ammollo nel vino bianco fino a che sarà morbida. Scolare e mescolare in una ciotolina con Fiordifrutta al mandarino.

Servire i triangolini caldi con la marmellata al mandarino e uvetta.


martedì 16 gennaio 2018

Creme brulèe al gorgonzola con crostini miele e noci

Uno degli antipasti delle mie feste è stata questa creme brulèe saporita e sfiziosa. Facilissima da preparare, anche con un giorno di anticipo, è perfetta per una cena elegante e leggera.

Creme brulèe al gorgonzola
con crostini al miele e noci

Ingredienti per 6 cocotte:
75 g gorgonzola dolce
350 ml creme fraiche
3 uova
q.b. sale, pepe
1 fetta di pane per tramezzini
q.b. noci tritate
q.b. Mielbio millefiori Rigoni di Asiago
q.b. burro

Portare a bollore in un pentolino la creme fraiche, fuori dal fuoco aggiungere il gorgonzola a pezzetti e mescolare per farlo sciogliere. Aggiungere le uova e mescolare, a piacere aggiustare di sale e aggiungere un pizzico di pepe.
Versare nelle cocotte e cuocere per circa 30 minuti a 100°C. Controllare la cottura, dipenderà dalla grandezza delle cocotte, più la cocotte è piccola, meno sarà il tempo di cottura.
Togliere dal forno e far raffreddare completamente prima a temperatura ambiente e poi in frigorifero. Al momento del servizio, fiammeggiare la superficie con un cannello o passare le cocotte sotto il grill del forno fino ad ottenere una leggera colorazione.
Con un coppapasta a forma di stellina, o altra forma a piacere, ritagliare dei crostini dal pane per tramezzini, tostarli in padella antiaderente con burro, spalmare con Mielbio e cospargere con noci tritate. Servire sopra le cocotte.


venerdì 5 gennaio 2018

Torta Raggio al Dulcey, nocciole e mango

Durante queste feste natalizie mi sono dedicata ad un solo dolce e ho provato il nuovo stampo Raggio Silikomart, che è davvero uno spettacolo per le torte moderne, e per l'occasione ho usato cioccolato Dulcey e pralinato Valrhona abbinato al mango e nocciole, così come consigliato proprio sul sito Valrhona...hanno proprio ragione, mango e nocciole si sposano benissimo con il Dulcey!
Tranne per la dacquoise (vi avanzerà un disco che potete congelare), le dosi sono perfette per uno stampo Raggio.

 Torta Raggio al Dulcey, nocciole e mango
basi da "Tiramisù e chantilly" di L. Montersino
e "CioccoSantin" di M. Santin


Per la dacquoise alle nocciole:
65 g albumi (2 albumi)
41 g zucchero
61 g farina di nocciole
44 g zucchero
16 g farina 00

Montare gli albumi con le fruste elettriche con la prima dose di zucchero, aggiungere la farina di nocciole miscelata allo zucchero e alla farina e mescolare con una spatola. Con un sac a poche fare due dischi su una teglia coperta con carta forno, cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 7 minuti.

Per il croccante al pralinato:
35 g pralinato alle nocciole
30 g crepes dentelles sbriciolate
15 g cioccolato al latte fuso

Mescolare gli ingredienti. Ricavare dal disco di dacquoise una corona circolare delle dimensioni adatte per la base dello stampo Raggio Silikomart e stendere sopra con una spatolina il croccante, congelare.

Per la gelée al mango:
170 g purea di mango
44 g zucchero
20 g destrosio 
3 g gelatina in fogli

Mettere in ammollo la gelatina in 15g acqua di acqua fredda, scaldare meno della metà della purea di mango, aggiungere la massa di gelatina, zucchero e destrosio. Qaundo tutto sarà sciolto, aggiungere il resto della purea fredda e versare nello stampo Abbraccio Silikomart, congelare.

Per la ganache spumosa al Dulcey:
350 g cioccolato Dulcey
284 g panna fresca
10 g gelatina in fogli
213 g panna fresca

Mettere a bagno in acqua fredda la gelatina. Scaldare la prima dose di panna, aggiungere la gelatina e versare nel bicchiere del minipimer sopra al cioccolato. Emulsionare con minipimer, coprire con pellicola a contatto. Quando avrà raggiunto i 30°C aggiungere la seconda dose di panna semimontata.



Per il montaggio: versare circa la metà della ganache al Dulcey nello stampo Raggio Silikomart, disporre al centro la gelée di mango congelata, coprire con altra ganache al Dulcey e infine con la dacquoise congelata, con il croccante rivolto verso la ganache. Congelare per almeno una notte.

Sformare, coprire uniformemente con spray rosso al burro di cacao, far colare solo da un lato con glassa rossa al cioccolato bianco e decorare con confettini dorati, meringhe e fiocchi di neve in pasta di zucchero.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...