martedì 3 ottobre 2017

Biscotti integrali miele e uvetta

Pochissimi ingredienti per dei biscotti molto gustosi e leggeri.
Ultimamente ho sempre tanta voglia di biscotti secchi, poi leggo gli ingredienti di quelli industriali e desisto...ma il desiderio rimane... E allora, per non sentirmi in colpa, ho preparato questi biscotti da tenere sempre in dispensa con ingredienti buoni e sani, in particolare con la farina integrale che viene dal grano di Manuel Lombardi.
Siete mai stati al suo agriturismo? 
E' davvero una bellissima esperienza! Per me è come tornare a casa di cari parenti, sedersi a tavola, chiacchierare, mangiare cibo buono, passeggiare all'aria aperta, scoprire ogni volta qualcosa in più di bello e interessante del mio territorio, farmi trasportare dalla passione sua e della sua famiglia per il lavoro della terra.
Non so se prima di ora le persone fossero migliori, ma mi piace pensarlo, e loro sono così diversi da questo mondo fatto di egoismo, arrivismo, superficialità, disonestà...trovo lì un'oasi di pace, persone buone, genuine, appassionate, cordiali, simpatiche, sempre con il sorriso...proprio per questo le definirei persone d'altri tempi, nel senso più delicato e gentile dell'espressione.
Andate a provare il suo Conciato Romano, ma prenotate in tempo!

Biscotti integrali miele e uvetta

Ingredienti:
250 g farina integrale
1/2 bustina di lievito in polvere
4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
100 g farina di mandorle
100 g miele del bosco Rigoni di Asiago Mielbio
100 g uvetta

Lavare molto bene l'uvetta con acqua tiepida. Metterla in ammollo sempre in acqua tiepida.
Mescolare la farina con il lievito setacciato, la farina di mandorle, aggiungere il miele e l'olio, aggiungere l'uvetta strizzata e tritata grossolanamente. Se necessario, aggiungere qualche goccio d'acqua.
Formare un panetto, ricavare dei rotolini e da questi ottenere delle palline tutte uguali, grandi più o meno come una noce, poggiarle su una teglia coperta con carta forno, schiacciarle leggermente e cuocere per circa 10-11 minuti in forno preriscaldato a 170°C.

Una volta freddi, conservare i biscotti ben chiusi in un sacchetto al riparo dalla luce.
Si conservano bene per circa 2 settimane.





venerdì 28 luglio 2017

Crostata agrumi, ricotta e more

La merenda d'estate me la immagino così, fresca e veloce, con la nuova marmellata Rigoni di Asiago, dopo aver raccolto in campagna more selvatiche, tra zanzare che mi ronzano intorno, melodiosi uccellini e ricordi insieme felici e tristi di quando il mio cucciolone mangiava more con papà...


Crostata agrumi, ricotta e more

Per la pasta sablée:
250 g farina 00
140 g burro morbido
100 g zucchero
1 tuorlo
50 ml acqua

In planetaria con la foglia lavorare farina, burro a pezzetti e zucchero, quando si sarà formata come una sabbia fine aggiungere il tuorlo e l'acqua e lavorare brevemente fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Formare un panetto, avvolgerlo in carta forno e conservarlo in frigorifero per almeno 2 ore.
Dopo il riposo, stendere la pasta con il matterello su un piano infarinato allo spessore di 3 mm, rivestire un anello microforato imburrato e poggiato su teglia e tappeto microforato. Tagliare l'eccesso di pasta, bucherellare il fondo con una forchetta, coprire con carta forno e riempire con sfere di ceramica.
Cuocere in forno preriscaldato a 160°C per circa 20 minuti.
Far raffreddare completamente.


Per la farcia:
q.b. Fiordifrutta Agrumi e zenzero Rigoni di Asiago
220 g ricotta di bufala
1 pizzico di cannella
45 g zucchero di canna fine
2 gocce di acqua di fiori d'arancio
q.b. more

Passare al setaccio la ricotta, mescolarla con una frusta insieme a zucchero e aromi a piacere.
Stendere sul fondo della sablée uno strato di Fiordifrutta, distribuire la crema di ricotta con il sac a poche e lisciare con una spatolina oppure fare un decoro a vortice.
Decorare con more fresche, fiori di zucchero e menta fresca.


martedì 18 luglio 2017

Brioche al burro di Giorilli

Soffici e profumate brioche a colazione, esiste modo migliore per cominciare la giornata?
E con queste temperature, preparare un lievitato è davvero una gran soddisfazione, se la firma poi è di Giorilli allora il successo è assicurato!

Brioche al burro
da "Lievitazione lenta" Di P. Giorilli

Ingredienti:
500 g farina 320W (Brioches soft Molino dalla Giovanna)
30 g lievito di birra
50 g latte
250 g uova
10 g sale
75 g zucchero
200 g burro morbido
q.b. Nocciolata Rigoni di Asiago
q.b. granella di zucchero

Con il gancio in planetaria lavorare la farina, il lievito sbriciolato, il latte e metà delle uova, aggiungere poi lo zucchero, le restanti uova e il sale. Quando l'impasto sarà omogeneo, aggiungere il burro a pezzetti un pò per volta fino ad ottenere un impasto liscio.
Formare un panetto e lasciar riposare su un piano coperto con un panno a 25-26°C per circa un'ora. 
Mettere poi in una ciotola e lasciar riposare in frigorifero per almeno 2 ore oppure per 12 ore.
Per il panbrioche, su un piano stendere circa 400 g di impasto a forma rettangolare, stendere uno strato sottile di Nocciolata, avvolgere la pasta realizzando un rotolo e metterlo in uno stampo imburrato e infarinato. Spennellare la superficie con una miscela di pari peso di uovo e latte e un pizzico di sale. Far lievitare per circa un'ora e mezza, spennellare nuovamente con la miscela e cospargere a piacere con granella di zucchero, gocce di cioccolato, nocciole e fave di cacao tritate.


Per le brioche, dopo il riposo in frigorifero, formare delle palline da 60 g cadauna, riporle su una teglia rivestita con carta forno, spennellarle con la miscela sopra descritta e far lievitare per circa un'ora e mezza. Spennellare nuovamente, cospargere con granella e cuocere a 200°C per circa 15 minuti.

Una volta raffreddate, è possibile congelarle in sacchetti alimentari.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...