martedì 28 marzo 2017

Tiramisù al limone e lamponi

Il mio tiramisù si è profumato di limoni e ha voglia di Pasqua. Ho modificato la ricetta di Luca Montersino del classico tiramisù al caffè e il risultato è una bontà da provare. Non lasciatevi intimorire dalle tante preparazioni, se preparate il giorno prima pan di spagna e pasta di limone, sarà facile e veloce.

Tiramisù al limone e lamponi

Per il pan di spagna:
500 g uova
350 g zucchero
300 g farina 00
100 g fecola di patate

Montare le uova intere con lo zucchero. Nel frattempo setacciare farina e fecola, quando il composto avrà  raddoppiato il volume, aggiungere le polveri con una spatola mescolando delicatamente senza smontare il composto. Cuocere a 180°C per 30 minuti circa in uno stampo imburrato e infarinato.
Per uno stampo da diametro 18-20 cm vanno bene 3 uova grandi.
Quando il pan di spagna sarà freddo, ricavare due dischi spessore 7-8 mm del diametro dello stampo Girotondo Silikomart.

Per la base tiramisù pastorizzata:
112 g tuorli (n. 7 tuorli)
218 g zucchero semolato
64 g acqua

Mettere i tuorli nella planetaria e iniziare a montare riscaldando la planetaria con un cannello fino a portare i tuorli a 40°C (questo passaggio col cannello si può anche evitare). Nel frattempo, cuocere lo zucchero con l'acqua fino a raggiungere la temperatura di 121°C, quindi versare a filo sui tuorli mentre la planetaria è in funzione e continuare a montare fino a raffreddamento.

Per la crema tiramisù:
348 g base tiramisù pastorizzata
387 g panna liquida fresca
387 g mascarpone
9 g gelatina in fogli
45 g acqua
50 g pasta di limone

1 vaschetta di lamponi freschi

Mettere in ammollo la gelatina nella dose di acqua. Sciogliere poi a bagnomaria e versarla in 1/3 della base tiramisù riscaldata. Mescolare bene e unire il resto della base tiramisù.
Montare insieme panna e mascarpone (fare attenzione, monta in breve tempo!) e unirli alla base tiramisù insieme alla pasta di limone, mescolando delicatamente.

Per la bagna al limoncello:
30 g limoncello*
120 g acqua
84 g zucchero
36 g acqua

Preparare lo zucchero liquido portando a bollore 84 g di zucchero e 36 g acqua. Far raffreddare e aggiungere 120 g di acqua e il liquore.
* A piacere, dipende da quanto è alcolico il liquore e dal gusto personale.

Per la pasta di limone:
120 g limoni interi senza semi
60 g buccia di limone non trattata
100 g sciroppo di glucosio
160 g zucchero a velo
200 g zucchero fondente

Frullare insieme tutti gli ingredienti fino ad ottenere una pasta liscia e profumata. La pasta può essere conservata in un contenitore ermeticamente chiuso in frigorifero per 20 giorni massimo.



Per il montaggio: bagnare uniformemente i due dischi di pan di spagna con la bagna al limoncello.
Nello stampo Girotondo Silikomart versare la crema, poggiare un disco di pan di spagna, ancora crema, lamponi (conservarne qualcuno per la decorazione), ancora crema e chiudere con l'altro disco di pan di spagna. Conservare in congelatore per una notte.
Togliere la torta congelata dallo stampo, coprirla in maniera uniforme con lo spray Wonder velvet bianco Silikomart.
Preparare una ganache mescolando 55 g di cioccolato bianco fuso con 36 g panna liquida calda, aggiungere poco colorante in gel rosa, mettere in un sac a poche con beccuccio tondo piccolo e versare la ganache nella spirale. Decorare con palline di zucchero colorate, lamponi e cioccolatini realizzati versando del cioccolato bianco fuso nello stampo Easter Silikomart.



10 commenti:

  1. Io il tiramisù classico con il caffè...non lo posso proprio vedere ! (detesto il caffè...). Questa versione invece mi attira assai. La crema tiramisù di Montersino l'ho sperimentata anch'io: fantastica. Elegante e raffinato il tuo dolce...come tutti i tuoi, del resto.

    RispondiElimina
  2. Che bello, complimenti! Mi piace davvero molto...

    RispondiElimina
  3. Buongiorno, grazie per la ricetta questa torta è bellissima. Una sola domanda. Quando scogli la gelatina a bagnomaria metti anche i 45gr di acqua con la gelatina? Grazie della risposta e ancora complimenti per il tuo blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, certo, sciogli la gelatina insieme alla sua acqua di idratazione.
      Grazie a te!

      Elimina
  4. Ciao Gabry, in riferimento alla pasta di limone utilizzata nella tua ricetta, visto la presentati del limone intero cui contiene della parte bianca dovuto dalla buccia di limone, non dara' un retrogusto amaro nei dolci dopo la cottura? In attesa di un riscontro ti ringrazio e ti saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, una leggera punta di amaro si può avvertire ma ti assicuro che è gradevole, considerando che la crema tiramisù è molto dolce. Poi dipende anche dai limoni utilizzati, ci sono quelli con parte bianca più sottile rispetto ad altri e l'amaro non lo avverti, l'importante è che siano non trattati.

      Elimina
  5. Grazie Gabry, il tuo blogspot, e' meraviglioso e da' un valido aiuto nella preparazioni delle stesse ricette cui pubblichi... grazie..😘

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...